PEC gratuita

Procedura per l’attivazione del servizio

Riservata ai dottori attuari, chimici e geologici

L’attivazione è gratis per tutti gli iscritti. Basta scaricare il modello sottostante, compilarlo in ogni sua parte, allegare un valido documento d’identità e inviarlo a:

  • Posta ordinaria: Via Vicenza, 7 – 00185 Roma (RM)
  • Fax: 06-6964555
  • Posta elettronica: pec@epap.it

 

L’attivazione avverrà in due giorni lavorativi dalla data di invio del modello, se completo.

Per informazioni potete contattare il centralino, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12, allo 06-696451 scegliendo l’opzione numero 5 (assistenza PEC).

Al di fuori di questi orari potete inviare una mail a pec@epap.it (è un indirizzo di posta ordinaria).

Riservata ai dottori agronomi & dottori forestali

Dal 30 ottobre, grazie al protocollo d’intesa sulla Posta Elettronica certificata firmato dall’Epap e dal CONAF, tutti i Dottori Agronomi e i Dottori Forestali iscritti all’Epap che vogliono attivare gratis la casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) fornita dall’EPAP devono rivolgersi al proprio Ordine Territoriale di appartenenza secondo quanto riportato nelle istruzioni tecniche per l’attivazione della PEC stabilite nella circolare n. 24/2009 del CONAF.

L’attivazione avverrà in due giorni lavorativi dalla data di invio del modello, se completo.

Per informazioni potete contattare il centralino, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12, allo 06-696451 scegliendo l’opzione numero 5 (assistenza PEC).

Al di fuori di questi orari potete inviare una mail a pec@epap.it (è un indirizzo di posta ordinaria).

Procedura per la richiesta delle credenziali di accesso alla casella di PEC

Per recuperare la cliccare password al seguente link: epap.webmailpec.it cliccando sull’apposita voce “Hai dimenticato la password? “.

ATTENZIONE: gli indirizzi PEC a dominio@postacertificata.gov.it non sono indirizzi PEC ma CEC-PAC, cioè CASELLE PEC a CIRCUITO CHIUSO che possono dialogare solo con caselle con lo stesso dominio o con pubbliche amministrazioni.  Quindi, non possiamo inserire questi indirizzi in anagrafica e nei nostri indirizzari perché le comunicazioni non andrebbero a buon fine.

Chiediamo, quindi a tutti gli iscritti con un indirizzo PEC@postacertificata.gov.it di attivare un indirizzo CERTIFICATO il cui funzionamento non sia limitato.

Per permettere agli iscritti di adeguarsi alle nuove norme dettate dal decreto anti-crisi, l’Epap mette a disposizione l’attivazione gratuita di una casella di Posta Elettronica Certificata (P.E.C.). Il modulo per attivarla si trova in calce a questa pagina.

La PEC è un servizio che disciplina l’uso della posta elettronica (e-mail) tra le pubbliche amministrazioni, le aziende e i privati cittadini dando valore legale alle e-mail scambiate, sostituendo le tradizionali notifiche a mezzo postale (raccomandate con ricevuta di ritorno) e fornendo lo stesso valore giuridico delle ricevute.

La PEC funziona esattamente come una normale casella e-mail ma ha in sé alcuni vantaggi che la posta elettronica tradizionale non ha.

A differenza della tradizionale posta elettronica, infatti, garantisce opponibilità a terzi e si può utilizzare nei casi consentiti dalla legge ai sensi del DPR 68/2005 nonché dagli articoli 6 e 48 del D.lgs. 82/2005, certezza dell’invio e della ricezione del messaggio con relative data e ora, integrità e riservatezza dei contenuti.

Tra i benefici della PEC c’è la facilità di adozione dello strumento da parte degli utenti, la riduzione della carta stampata e dei relativi costi di gestione (archiviazione e ricerca), e maggiore efficienza, rapidità e trasparenza nella comunicazione tra le amministrazioni e gli utenti.

La PEC è inoltre un utile strumento di lavoro per i professionisti perché si può usare, ad esempio, per comunicare con le Pubbliche Amministrazioni, con i fornitori e i clienti, con i propri collaboratori. Più in generale, permette di trasmettere tutte le comunicazioni che necessitano di “certezza”.

Funzionamento

Il funzionamento della PEC è semplice:

  • I messaggi di posta certificata vengono spediti tra 2 caselle, e quindi Domini, certificati.
  • Quando chi ha una casella di PEC invia un messaggio ad un altro utente certificato, il messaggio viene raccolto dal gestore del dominio certificato (punto di accesso), che lo racchiude in una busta di trasporto con una firma elettronica che garantisce inalterabilità e provenienza.
  • Il gestore del dominio poi manda il messaggio al gestore di PEC destinatario, che verifica la firma e lo consegna al destinatario (punto di consegna). Una volta consegnato il messaggio, il gestore PEC destinatario invia una ricevuta di avvenuta consegna al mittente, che può essere quindi certo che il suo messaggio è giunto a destinazione.
  • Durante la trasmissione di un messaggio attraverso 2 caselle di PEC si emettono altre ricevute per garantire e verificare il corretto funzionamento del sistema e di mantenere sempre la transazione in uno stato consistente.