Vantaggi per gli iscritti
Economici
Assistenziali
Sanitari

Vai alla pagina

 Giovani professionisti
Riduzione del 70% dei contributi dovuti
Maggiori informazioni


Numero verde Epap
dalle ore 9,00 alle 12,00
dal lunedì al venerdì

 Prossime scadenze
28 febbraio 2017
Regime A - primo acconto 2017
Maggiori informazioni

 Coordinate bancarie
Banca Popolare di Sondrio
Viale Cesare Pavese, 336
00144 Roma
IBAN: IT74Q0569603211
000069000X37
CIN: Q   ABI: 05696
CAB: 03211
C/C: 000069000X37

 Cerca news
 Argomento
 Categoria professionale
 Data pubblicazione (gg/mm/aaaa)
 da a
 Cerca nel titolo
 Cerca nel testo

 
13/02/2017 BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA N. 6637670
Risposte a quesiti - 2

Di seguito si riportano risposte a ulteriori quesiti relativi al bando di gara a procedura aperta per l’affidamento delle risorse finanziarie dell’EPAP pervenuti all’indirizzo mail garamandati@epap.it

D) E’ nostra intenzione partecipare con due società del gruppo diverse, conformemente a dove sono ubicati i team di gestione. Vorremmo sapere se dobbiamo fare due plichi separati o se, trattandosi di due società del Gruppo, possiamo farne uno solo con la dicitura generica nel mittente?

R) Appare almeno opportuno che tutti i documenti relativi al medesimo lotto di gara siano contenuti in unico plico. Conseguentemente stimiamo necessario che vi sia un solo plico per ogni domanda di partecipazione alla gara per ciascun lotto. Nulla osta, invece, a che i due distinti plichi riferiti, separatamente, alle due procedure siano trasmessi all’interno di un unico involucro.


D) con riferimento all’Allegato 3 – “Dichiarazione sostitutiva per l’ammissione alla gara” è indicato che la stessa deve essere sottoscritta dal Legale Rappresentante del Concorrente. Dobbiamo ritenere che in caso di delega di gestione alla società controllante, tutta la documentazione amministrativa deve essere fornita solo dal Gestore delegante?

R) Nello specifico stimiamo opportuno precisare che la documentazione deve riferirsi al soggetto partecipante alla gara indipendentemente dalla delega di gestione che quest’ultimo faccia ad altro soggetto (quand’anche abbia la veste di controllante). Per necessaria conseguenza la documentazione amministrativa deve inerire la posizione del delegante in quanto offerente e proponente la gestione.


D) La cauzione di cui all’art. 9 è costituita dalla fideiussione?

R) Si conferma che la garanzia di cui all’art.9 del Capitolato deve essere costituita in conformità con il disposto dell’art.93 del codice degli appalti e dunque resta nella discrezione dell’offerente operare un deposito cauzionale ovvero costituire una fidejussione aventi le caratteristiche ivi specificate


D) La fideiussione può essere prestata da una banca / assicurazione estera?

R) La Fideiussione può essere prestata da una banca / assicurazione estera purché abbia le caratteristiche di cui al bando e la banca/assicurazione operi in territori riconosciuti dal sistema interbancario.


D) Con riferimento all’art. 17(divieto di cessione) della bozza di contratto che costituisce l’allegato 13 è corretto interpretare che sia possibile delegare alla propria controllante la gestione del portafoglio, fermo restando il consenso dell’Ente?

R) E’ consentito, in sede di esecuzione del contratto, di avvalersi di società appartenenti allo stesso gruppo purchè operanti sotto la direzione del gestore affidatario. Le modalità operative di delega formeranno oggetto di analitica regolamentazione, negli ambiti consentiti dal bando e dal contratto, successivamente alla stipula del contratto stesso.


D) E’ concesso, mediante delega interna, firmare il contratto da città diversa da quella in cui ha sede il legale rappresentante?

R) Non è previsto nel bando che la firma del contratto debba tassativamente avvenire presso la sede dell’Ente. Ma soggettivamente sia effettuata dall’aggiudicatario. I profili che attengono la delega e la relativa formalizzazione devono necessariamente seguire la sottoscrizione del contratto.

D) Nell’Allegato 13 “Contratto per la gestione delle risorse”, non è fatta menzione del regime fiscale al quale l’Ente sarà assoggettato. Potete confermarci che il Regime Fiscale prescelto sarà quello relativo del “Risparmio Gestito” - di cui all’art. 7. del D. Lgs. 21 Novembre 1997, n.461 .

R) Il regime fiscale che l’Ente adotterà sarà quello del "Risparmio Amministrato" ex art. 6 del D.Lgs 21 novembre 1997, n. 461 con Banca Depositaria come sostituto d’imposta.


D) I gestori dovranno curare l’assolvimento degli obblighi di sostituto di imposta o se tale attività sarà coperta dalla Banca Depositaria di EPAP?

R) il regime fiscale che l’Ente adotterà sarà quello del risparmio amministrato ex art. 6, D.Lgs 461/1997 con Banca Depositaria come sostituto d’imposta.


D) Nel prendere visione della documentazione di gara non abbiamo identificato nel bando di gara / questionario alcuna specifica sui benchmark di riferimento che vorreste utilizzare per i mandati presenti nei lotti A, B, C, D, E. E’ corretto?

R) Si conferma che l’Ente non ha fornito, sia nel bando sia in alcun altro dei documenti di gara, riferimenti al benchmark da utilizzare per i lotti posti in gara. Ciò al fine di lasciare al proponente la decisione di presentare quella che lui ritiene essere la propria miglior proposta per il lotto cui è interessato.


D) Per quanto riguarda il lotto n.5, relativo alla selezione per le obbligazioni convertibili, vorrei sapere se l’ampiezza temporale dei 5 anni relativamente al track-record sia tassativamente vincolante, oppure se sia possibile candidarci con uno fondo con un track-record inferiore?

R) La valutazione sulla documentazione di gara è rimessa interamente alla Commissione Giudicatrice. Si invita tuttavia a specificare la metodologia utilizzata per la predisposizione della stessa al fine di garantire una corretta valutazione



D) Questionario lotti obbligazionari: è possibile presentare un composite per la performance?

R) Ogni soggetto proponente può utilizzare gli strumenti/metodi che ritiene più rispondenti per presentare la propria offerta che verrà valutata esclusivamente dalla commissione giudicatrice. Si invita tuttavia a specificare la metodologia utilizzata per la predisposizione della stessa al fine di garantire una corretta valutazione


D) il punto B21. del questionario relativo alla selezione per le obbligazioni convertibili (Allegato 5), richiede, in lingua inglese il turnover annuale medio del portafoglio Convertible Bonds nel 2012, mentre in lingua italiana richiedete quello del 2011. Chiedo cortesemente di indicarmi per quale anno sia effettivamente di vostro interesse conoscere il turnover annuale medio(*) del portafoglio Convertible Bonds

R) Per quanto riguarda il punto B21 del questionario, le rappresento che, in entrambi i casi, si tratta di un refuso. L’anno di interesse è il 2015. La invito pertanto a riportare il valore relativo all’anno 2015, indipendentemente dalla lingua che sceglierà per rispondere al questionario.




[torna alla Home Page]

 

 

 Area riservata


 Epap on the road

Incontri con gli iscritti
Vai alla pagina


 Assicurazioni sanitarie

Polizze assicurative gratuite per gli iscritti Epap
Vai alla pagina


 Regolarità contributiva PA

Regolarità contributiva online per Enti o Soggetti Esterni
Vai alla pagina


 EPAPcard

La carta di credito per gli iscritti Epap
Vai alla pagina




 Amministrazione trasparente

D. Lgs. n.33
14/03/2013
Vai alla sezione


 Mappa del sito
Tutto quello che puoi trovare su questo sito

 Link utili

Consigli Nazionali
Enti di Previdenza
Ministeri
Agenzie di stampa
Istituzionali
Vari

 

EPAP Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale degli Attuari, dei Chimici, dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali, dei Geologi
Via Vicenza 7 - 00185 Roma - Tel 06 696451 - Fax 06 6964555 - 06 6964556 - Cod. Fisc. 97149120582
web design: Cliccaquì